Indirizzo
Via Pieve S. Siro, 4
25044 Capo di Ponte (BS)
Telefono
(+39) 0364.42148
E-mail
info [nospambot] archeologiadavivere.com
Web
http://www.archeologiadavivere.com

Caratteristiche e servizi

OK per bambini/ragazzi di 0 - 15 anni di età
Prezzo medio: 5 € - 15 €

E' al Dr. Ausilio Priuli che si deve la ricostruzione sperimentale di un villaggio tardo neolitico nel territorio di Capodiponte, realizzata sulla sommità di una collina rocciosa dominante il tratto di valle che ospita il maggior numero di incisioni rupestri e agevolmente raggiungibile dal Museo.

Museo laboratorio

Il Museo Didattico d’Arte e Vita Preistorica non è un museo di tipo tradizionale, ma il luogo nel quale chi entra può interagire con le cose, manipolare gli oggetti e provare a ripetere i gesti dell’uomo del passato, nel laboratorio di Archeologia Sperimentale. Visitatori occasionali, gruppi, scolaresche, con l’aiuto dell’archeologo o dei suoi collaboratori entrando nel Museo iniziano un viaggio nel tempo che li porta a ripercorrere oltre 10.000 anni di preistoria.

L'Archeodromo

L’Archeodromo di Capo di Ponte è la ricostruzione sperimentale, prima del genere in Italia, di un villaggio tardo neolitico, realizzata sulla sommità di una collina rocciosa dominante il tratto di valle che ospita il maggior numero di incisioni rupestri.
Le capanne sono state erette con le presunte tecniche edilizie neolitiche: con legni graticci, canne, paglia e fango e sono arredate con rudimentali giacigli, pelli, vasellami, armi ecc… In esse si può cucinare, tessere, filare, produrre strumenti d’uso e negli spazi esterni plasmare l’argilla e cuocere vasi, scheggiare selce, lavorare la pietra ecc.. il tutto guidati in un fantastico viaggio a ritroso nel tempo.
E' la prima realizzazione del genere in Italia, alla quale è seguita quella dell'Archeopark a Boario Terme, ma la singolarità della stessa consiste nel fatto che il villaggio non solo è arredato come poteva esserlo nella preistoria, ma può essere vissuto da famiglie, gruppi, classi scolastiche che vogliono tentare di ripercorrere i momenti della preistoria. Le capanne sono state erette con le presunte tecniche edilizie neolitiche: con legni, graticci, canne, paglia e fango. Sono arredate con rudimentali giacigli, pelli, vasellame, armi, ecc.
In esse si può cucinare, dormire, tessere, filare, produrre strumenti d'uso e, negli spazi esterni, plasmare l'argilla e cuocere vasi, scheggiare la selce, lavorare la pietra, ecc., il tutto guidati in un fantastico viaggio a ritroso nel tempo. Per la visita, attività didattiche di Archeologia Sperimentale, soggiorni, stage, quindi informazioni e prenotazioni si deve fare riferimento al Museo didattico d'Arte e Vita Preistorica di Capodiponte.

Foto Gallery